Home » Divorzio breve

Divorzio breve

Il divorzio breve, introdotto con la Legge n. 55/2015, permette ai coniugi separati e che intendano far cessare o sciogliere gli effetti civili del matrimonio, di farlo in tempi brevi.

L’istituto del divorzio è stato introdotto in Italia dalla Legge 898/1970 e la relativa domanda poteva essere presentata dopo un periodo ininterrotto di separazione della durata di 3 anni.

Con la Legge 55/2015 del 6 maggio 2015, cosiddetta Legge sul “divorzio breve”, il Legislatore ha accelerato le tempistiche di cessazione degli effetti civili/scioglimento del matrimonio: la domanda di divorzio può essere proposta dopo un periodo di separazione ininterrotta di dodici mesi, decorrenti dalla comparizione dei coniugi avanti il presidente del tribunale nel procedimento di separazione giudiziale, ridotti a sei mesi nell’ipotesi di separazione consensuale o di trasformazione del rito da giudiziale a consensuale. 

Lo Studio Legale Missaglia e De Vellis è specializzato nel divorzio breve e il suo team di avvocati qualificati sa come supportare i clienti con problematiche in quest’ambito.

Contattaci per ricevere maggiori info

Nome*
Consenso*
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Aree della Separazione e divorzio

SEPARAZIONE GIUDIZIALE

DIVORZIO GIUDIZIALE

SEPARAZIONE CONSENSUALE

ASSEGNO DI MANTENIMENTO

DIVORZIO CONSENSUALE O CONGIUNTO

NEGOZIAZIONE ASSISTITA

CERCHI UN AVVOCATO ESPERTO IN DIVORZIO BREVE A MILANO?

Affidati all’esperienza maturata negli anni dal nostro studio legale.

Ultime notizie

Newsletter del 16 febbraio 2024

Newsletter del 16 febbraio 2024

Collocamento alternato o esclusivo? La decisione del giudice dipende dalla volontà del minore Il collocamento alternato paritetico, quale espressione del principio di bigenitorialità, può essere escluso dal Giudice se il minore manifesta la volontà di non stare con...

Newsletter del 9 febbraio 2024

Newsletter del 9 febbraio 2024

Chi vizia eccessivamente il figlio, privandolo della possibilità di sviluppare una propria autonomia, ne perde l’affidamento L’ordinanza della Suprema Corte, pubblicata il 7 febbraio 2024, rappresenta uno stop a un comportamento ritenuto dannoso per i figli, ossia il...